Bonus 150 euro arriva già a ottobre? Ecco cosa aspettarsi

Il tanto atteso bonus di 150 euro verrà erogato già nel mese di ottobre. Su questo punto è necessario mettere le cose in chiaro.

Con la crisi economica galoppante di quest’ultimo periodo, moltissimi italiani si chiedono quando riceveranno i vari bonus promossi dal Governo Draghi. Il Decreto aiuti bis e ter ha stanziato fondi anche per il bonus di 150 euro, che spetta sia ai lavoratori autonomi che ai dipendenti e ai pensionati.

bonus 150 euro
Fonte: Pixabay

Benché si sia più volte asserito che gli aiuti arriveranno nelle tasche degli italiani non prima di novembre o dicembre, c’è chi, avendo già fatto richiesta del bonus di 200 euro, si chiede se potrà riceverlo nel mese di ottobre (per queste persone, infatti, non è necessario inviare nuovamente la domanda). Una possibilità che però, non sussisterebbe.

Bonus 150 euro: nessuno lo riceverà già a ottobre

Si dovrà aspettare tassativamente novembre per ricevere l’ambito bonus di 150 euro, come prevede lo stesso decreto. Il versamento avverrà infatti in forma automatica per coloro che hanno diritto.

bonus governo
Fonte: Pixabay

Ricordiamo che, a differenza del bonus di 200 euro che spetta a tutti i cittadini con reddito annuo pari o inferiore a 35 mila euro, il bonus di 150 euro spetta solo ai soggetti il cui redito annuo non supera i 20.000 euro. Dal momento che, però, la crisi economica ha colpito duramente anche coloro che vantano stipendi più alti, il nuovo governo Meloni ha intenzione di fornire aiuto anche a queste persone.

Secondo quanto dichiarato da Maurizio Leo, responsabile economico di Fratelli d’Italia, “Bisogna valutare un aumento del nuovo bonus, che oggi è quantificato in 150 euro, per i redditi più bassi, se possibile portando più in alto anche il tetto di reddito”. Il nuovo Governo, inoltre, potrebbe contare su ben tre miliardi con i quali erogare un bis del bonus da 150 euro per i 20 milioni di lavoratori e pensionati con redditi fino a 20 mila euro all’anno.

Fino al 14 ottobre, inoltre, sarà possibile richiedere 300 euro di bonus come aiuto contro i rincari dovuti all’inflazione e alla crisi energetica. Questo bonus potrà essere richiesto al Comune di residenza, senza bisogno di specificare l’ISEE, dal 20 settembre. Il bonus intende fornire un contributo economico alle “famiglie composte da un solo membro con reddito imponibile 2021 della famiglia stessa di 19.000 euro. Per 2 componenti serve un reddito imponibile (2021) della famiglia di 38.000 euro”.