Bake off Italia, perché è stata sostituita Clelia d’ Onofrio

C’è tanta attesa per il ritorno di Bake off Italia arrivata alla sua decime edizione. Il programma dei dolci, più amato della TV, come già stato preannunciato, avrà una grossa novità: Clelia D’Onofrio è stata sostituita.

Clelia D’Onofrio è uno dei volti più amati di Bake Off Italia. Presente in giuria con a Erns Knam, fin dagli albori dello show, ha visto arrivare un terzo membro che agli inizi fu Antonio Lamberto Martino, poi sostituito da Damiano Carrara, che infine è diventato una presenza fissa all’interno del programma, anche quando nel 2020, è entrata in scena Csaba Dalla Zorza.

Adesso si stanno scaldando i motori per la decima edizione, di cui la prima puntata andrà in onda, sempre su Real Time, venerdì 2 settembre. Ma la novità questa volta riguarda proprio Clelia D’Onofrio, perché sarà sostituita in giuria da Tommaso Foglia. 

Clelia D’Onofrio rimane nello show

Bake Off Italia sta per tornare, per la gioia dei suoi fan e sarà ancora una volta condotto da Benedetta Parodi. Clelia D’Onofrio invece sarà sostituita, ma rimarrà sempre nel programma con un ruolo diverso, ma che la diretta interessata, ama particolarmente.

L’ (ex) giudice di Bake Off Italia infatti, desiderava tornare alla sua professione, che è quella di giornalista e il suo nuovo ruolo nel programma glielo permette.

“È un ruolo che mi riporta un po’ alla professione giornalistica, che è stata tutta la mia vita”, ha infatti spiegato a Revenews. “Racconto la storia dei dolci che fanno i concorrenti visto che oggi non tutti la conoscono e si sentono cose un po’ imprecise. Ci sono dolci che hanno una storia ben precisa, altri invece che sono nati un po’ per caso, a volte anche per da un errore come la classica Tarte Tatin francese”.

Il nuovo set di Bake-Off Italia

Anche per il nuovo set, la D’Onofrio è entusiasta, confessando che le è piaciuto tantissimo il nuovo arredo, caratterizzato da un’eleganza sobria molto simile ad una serra da cui entra la luce.

“Sono contenta di questo capovolgimento anche se riconosco che le vecchie strutture sono sempre state molto belle, anzi hanno contribuito al successo di Bake Off perché erano diverse da qualsiasi altra ambientazione televisiva”. Ha concluso