DAZN, come ottenere il rimborso per i disservizi

Procedura semplificata per il rimborso dopo il crash Dazn nel week end della prima giornata della Serie A 2022-23: ecco come ottenerlo

Il 13 e 14 agosto scorsi per DAZN, per il calcio in TV e per gli abbonati sono stati una sorta di “Caporetto“: l’impossibilità per molti utenti ad accedere alla piattaforma streaming con le loro credenziali per vedere le partite della prima giornata della Serie A  2022-23 ha sollevato violentissime polemiche che hanno travolto l’azienda di OTT con sede a Londra.

Crash Dazn, procedura semplificata per il rimborso-tipiu-18/08/2022

In dettaglio, cosa è successo? Sia i due match in programma alle 18.30 (Lazio-Bologna e Fiorentina-Cremonese) che quelli alle 20.45 (Salernitana-Roma e Spezia-Empoli) sono stati un autentico calvario per gli utenti che non riuscivano ad accedere alla piattaforma per vedere i suddetti match, una “falla” che la stessa DAZN ha provato a tamponare fornendo (prima sui social, poi attraverso mail spedite ai singoli utenti) un link alternativo per il collegamento alle singole partite.

Dazn, la procedura per ottenere il rimborso e a quanto ammonta

Crash Dazn, il messaggio che si visualizzava al momento della connessione-tipiu-18/08/2022

Dunque, come ottenere il rimborso per il crash di cui sopra? Il Garante per le Comunicazioni (AgCom) ha chiesto a DAZN chiarimenti urgenti e, nel contempo, a causa dell’evento “conclamato“, di predisporre una procedura semplificata, senza cioè la compilazione di moduli, per ottenere il relativo indennizzo: in base alle norme del regolamento incluso nel contratto di sottoscrizione dell’abbonamento, l’abbonato ha diritto a ricevere un rimborso per il disservizio solo se ha provato invano, e per più di cinque volte, a collegarsi alla piattaforma.

Inoltre, l’utente deve allegare alla richiesta di indennizzo, da inviare agli indirizzi richiestarimborsodazn@dazn.com o rimborsidazn@legalmail.com (attraverso PEC), le “condizioni contrattuali di fornitura del servizio di connettività incluso, ove disponibile, la banda minima garantita”.

Ecco perché l’AgCom ha incalzato DAZN affinché l’iter burocratico sia meno farraginoso e quindi più celere; e dinanzi alle sollecitazioni arrivate anche dalla Lega di Serie A e dal mondo della politica DAZN s’è detta pronta a predisporre modalità quasi automatiche di indennizzo.

Secondo il Garante nelle comunicazioni, infatti, DAZN può individuare gli utenti che non sono riusciti a vedere le partite così come quelli che invece ci sono riusciti utilizzando come porta d’accesso i link provvisori suggeriti dalla stessa piattaforma. In pratica, per l’AgCom è possibile fare una cernita degli utenti effettivamente penalizzati dal crash della piattaforma streaming.

Crash Dazn, rimborso pari al 25% del costo dell’abbonamento-tipiu-18/08/2022

Quanto al ristoro, ammonterà al 25% del costo dell’abbonamento: ragion per cui chi ha sottoscritto quello plus avrà diritto a un rimborso di circa 10 euro, chi ha optato per il pacchetto standard verrà indennizzato con circa 7.5 euro.