Regina Elisabetta, la brutta notizia che gela i sudditi. Era nell’aria da mesi

Davvero brutte, bruttissime notizie che sanno di vera e propria doccia gelata per i sudditi dell’amatissima Regina Elisabetta, tra le più longeve in assoluto nella Storia. La notizia- per la verità- era nell’aria da qualche mese ma è solo ora che è tornata fortemente in auge. Spiazzante.

Tira davvero una brutta aria all’interno della famosissima e chiacchieratissima Royal Family. Pare infatti che sia giunto il momento per la Regnante di fare i conti. La notizia che sconvolge il suo Paese ( e non solo!).

Elisabetta preoccupa i sudditi

Che Elisabetta non sia più una giovinetta è un fatto appurato, così come che negli ultimi mesi si siano fatti sentire, sempre più insistenti, problemi di salute che l’avevano costretta, anche sotto il vivo consiglio del suo fidato medico curante e della sua equipe, di stare a riposo, di evitare di presenziare a molti eventi e di fare viaggi. Poi il Covid l’ha indebolita notevolmente.

I sudditi ora sono seriamente preoccupati per lei. E ora, per via di una notizia, appena sussurrata tempo fa, ma ora ben potente, che la riguarderebbe molto da vicino, lo saranno-di certo- molto ma molto di più.

Per lei arriva il London Bridge

Dopo che è guarita dal Covid- 19 che serpeggia ancora nelle nostre vite, Buckingham Palace è corso ai ripari, tenendo- chiaramente- conto anche dell’età della Regina, preparando il piano relativo alla sua morte.

In pratica l’assai rigido protocollo reale prevede che il giorno della sua dipartita da questo mondo  e per quelli che verranno dopo sia tutto organizzato come si deve. Insomma, nulla, ma proprio nulla sarà dovuto lasciare al caso!

Pare- inoltre- che i funzionari  di corte stiano lavorando da tempo a un piano che reca il nome di London Bridge nel quale si stabiliscono come si deve i movimenti, uno dopo l’altro, del Regno che si dovranno mettere in atto quando Elisabetta non ci sarà più.

Si pensa a come agire dopo la sua dipartita

Ma, inaspettatamente, la prima persona che dovrà essere informata di ciò, sarà il Primo Ministro, tramite una telefonata, rigorosamente in codice. Quale? “Il London Bridge è caduto“.

Subito dopo, il piano entrerà nel vivo e il primo step da affrontare sarà lo stop momentaneo dei  lavori del parlamento inglese e di quello scozzese.

Inoltre il sito e i social della famiglia reale vedranno comparire una schermata nera e un breve messaggio di cordoglio. Anche i siti e i social del governo inglese mostreranno un banner nero e resteranno inattivi per un po’ di tempo, senza specificare- almeno per ora- la durata esatta.

Ma veniamo ora ai funerali della Regina. Lutto nazionale dalla durata di 10 giorni mentre il quarto la salma verrà esposta al palazzo di Westminster, dove il pubblico potrà renderle omaggio per 23 ore al giorno.

Qui entrerà “in ballo” ancora una volta il Primo Ministro che dovrà parlare in pubblico. Un compito che poi toccherà al Principe Carlo, erede al trono di Elisabetta, che dopo solo tre giorni dalla successione, dovrà dare inizio al suo viaggio che vedrà come prima tappa la splendida Edimburgo.