Amici, Rudy Zerbi: “Licenziato a 40 anni…”

Rudy Zerbi è uno dei professori più amati della scuola di Amici, il talent show condotto da Maria De Filippi. Ironico e simpaticissimo, riesce a tirar fuori il meglio dai suoi allievi, oggi è un personaggio di punta del programma, ma forse non tutti sono a conoscenza del difficile momento che ha affrontato. 

In passato infatti ha dovuto fronteggiare una situazione delicata e, a tendergli una mano nel momento del bisogno è stata la queen di Canale 5, Maria De Filippi.

Amici, Rudy Zerbi fa una confessione su Maria De Filippi

Rudy Zerbi e Maria De Filippi hanno un legame d’amicizia basato sulla stima ed il rispetto reciproco. I due insieme si divertono tantissimo, hanno una sintonia palpabile e godono della loro compagnia anche a lavoro.

Di recente il professore più amato della scuola di Amici, ha confessato un aneddoto del suo passato che concerne proprio il rapporto con la conduttrice di Canale 5.”Io no sono mai vergognato di raccontare che sono stato licenziato. I fallimenti e le cose che non funzionano nella vita non vanno nascoste”- ha esordito Rudy nel corso di una recente chiacchierata con Lorella Cuccarini nel  programma online “Un caffè con…”.

Maria De Filippi e Rudy Zerbi, ecco com’è nata la collaborazione ad Amici

Poi, Rudy ha detto: “È impensabile che tutto vada bene in una vita intera. A 30 anni sono diventato presidente e amministratore delegato della Sony. Ero giovane, avevo potere, soldi e avviato a una vita straordinaria. Un giorno dall’America mi hanno chiamato e parlato della fusione aziendale e mi hanno detto di non aver più bisogno di me”.

Sul rapporto con Maria De Filippi ha detto: “Mi hanno licenziato. In quel momento mi sono trovato a neanche 40 anni con 3 figli, con una vita davanti. Non sapevo cosa fare. La situazione discografica era terribile, allora andavo ad Amici come presidente della Sony e la prima cosa che ho fatto è stata chiamare Maria per informarla della notizia e l’ho ringraziata. Lei mi ha detto di essersi trovata bene e che gli piaceva come lavoravo e mi ha detto di andare a lavorare da lei”.