Fedez chiama i soccorsi: è successo tutto sul suo terrazzo: piccione incastrato

Disavventura domestica per Fedez e Chiara Ferragni: un piccione è rimasto incastrato sulla terrazza del loro attico milanese, con il rapper costretto a chiamare i soccorsi

Questo è l’anno degli uccelli: in attesa che la colomba della pace sorvoli la martoriata Ucraina, messa a ferro e fuoco dagli invasori russi, dopo il “povero gabbiano” dell’omonima hit che ha spopolato nei social, con tanto di cover da parte di vip e grandi nomi del mondo delle Sette note, regalando così un’insperata notorietà al suo autore, il cantante neomelodico Gianni Celeste, un piccione incastrato tra le fioriere e il parapetto del terrazzo del loro attico, a Milano, ha movimentato la mattinata dei Ferragnez, il rapper Fedez e la sua dolce metà, l’influencer e imprenditrice digitale Chiara Ferragni.

Fedez e Chiara Ferragni-tipiu-16/05/2022

Ovviamente, lo sfortunato volatile, suo malgrado, è diventato il protagonista dell‘ultimo video del rapper che, manco a dirlo, ha fatto il pieno di “like”. Nel suddetto video, visti i suoi infruttuosi tentativi di stanare il volatile, Fedez si appella, invano, ai suoi follower. Vediamo, dunque, se e come il rapper è riuscito a individuare e liberare il povero piccione.

Fedez e il piccione incastrato: decisivo l’intervento dei volontari dell’ENPA

Le fasi della liberazione del piccione-tipiu-16/05/2022

Dopo l’ultimo tentativo non andato a buon fine di far uscire allo scoperto il volatile, allettandolo con un pezzo di pane carasau, e vista l’indifferenza della moglie che, dinanzi ai suoi timori di aver in tal modo attirato altri piccioni, in pigiamone e seduta sul divano, continua a smanettare sullo smartphone non degnandolo di uno sguardo, il rapper alla fine si decide a chiamare il call center dell’ENPA, l’Ente Nazionale Protezione Animali.

Una decisione quanto mai provvida: la volontaria inviata dalla principale e più conosciuta associazione animalista italiana in soccorso al rapper, infatti, riesce a scovare il piccione che poi, dopo averlo afferrato tra le mani, adagia in una scatola di cartone per traportarlo in sicurezza all’ENPA dove molto probabilmente è stato sottoposto a tutti i controlli del caso prima di essere liberato in volo.

Si è, dunque, conclusa nel migliore dei modi la disavventura ornitologica del rapper che, infatti, ha salutato tale impresa, la liberazione del piccione, con un eloquente “ce l’abbiamo fatta” e con le note del celeberrimo capolavoro dei “Queen”, “We are the Champions“.