Dimagrire in fretta con la dieta di frutta e verdura, veloce ed efficace

Con l’arrivo dell’estate, praticamente alle porte e la tanto temuta prova costume, si cerca di correre ai ripari come si può. E ora si parla tanto della dieta della  frutta e  della verdura, altrimenti detta “dieta della California” o “di Hollywood. Ma di che cosa si tratta? A quanto pare è una dieta lampo da seguire per soli 3 giorni e deve essere poi tassativamente seguita poi da un regime ben controllato. 

Una dieta veloce ed efficace per possedere una pancia piatta e non perdere l’apporto nutritivo quella della verdura e della frutta. Molte star l’hanno seguita e ne sono rimaste incantate.

La dieta della frutta, efficace ma si può seguire solo per 3 giorni al mese

La dieta della frutta prevedeva in origine il consumo di solo pompelmo ma, nel corso degli anni, questo modello è stato nettamente ammorbidito, consentendo anche l’introduzione di altri tipi di frutta e di qualche verdura.

Seguendo questo regime alimentare si unirebbero due effetti:  in primis quello depurativo e detox e quello fortemente drenante della frutta, con una grande perdita di peso dovuta al netto taglio delle calorie.

Questo tipo di alimentazione è stata strutturata per appena 3 giorni al mese, non uno di più e uno di meno,  e assicura un reale  dimagrimento  molto ma molto importante, tant’è che si può arrivare a perdere fino a un chilo e mezzo al giorno.

Ma che genere di alimentazione è?

È fondamentalmente un tipo di alimentazione ipocalorica che  appoggia saldamente le sue basi sulla presenza degli zuccheri semplici e dell’apporto vitaminico della frutta. Lo scopo  precipuo di essa è quello di drenare il corpo assicurandogli – però- fonti energetiche di rapido utilizzo per non incorrere in eccessivi e pericolosi cali energetici, che possono essere altamente nocivi per l’organismo.

Ed è per questo motivo che non si può seguirla per più di 3 giorni al mese!

Un altro elemento importante da tenere in alta  considerazione è la stagionalità degli alimenti! Difatti è fondamentale che la frutta e la verdura scelte  siano fresche, oltre che bio.

Fondamentale è bere 2 litri di acqua al giorno

Nonostante sia una dieta che si incentra sugli zuccheri, non esclude del tutto una fonte proteica, anche se in modo molto ma molto limitato. Infatti, è presente durante la giornata una piccola quota di verdura, soprattutto di tipo e genere squisitamente fibroso.

Sono presenti anche piccole percentuali di grassi e proteine provenienti dallo yogurt utilizzato abilmente per preparare ottimi frullati e centrifugati.  Inoltre grazie alla grande concentrazione di vitamine, fibre e minerali che vengono assunti, dovrebbero essere scongiurati anche i cali energetici a cui si può facilmente andare incontro, soprattutto in condizione di forte calore e di temperature molto elevate e particolarmente afose.

Ma per stare bene è fondamentale- è doveroso sottolinearlo- bere due litri di acqua al giorno non gassata ma ferma, al fine di stimolare correttamente la diuresi e provvedere a una buona eliminazione delle tossine corporee.

Quante volte si può mangiare al giorno?

La dieta è strutturata in modo da arrivare a mangiare anche sei volte al giorno ma sempre con  pasti a base di frutta. Infatti- lo ribadiamo chiaramente- è una dieta molto ma molto ricca di acqua e di zuccheri semplici, che sono quelli che- in realtà- forniscono al corpo energia che può utilizzare subito, mentre in minore quantità ci sono le proteine e le fibre.

E che dire- invece- dei grassi? Sono davvero assai esigui. Difatti,  il totale calorico della dieta non salirà eccessivamente, arrivando intorno alle 1600 calorie, che – dati alla mano- è un totale abbastanza basso per una persona sana e adulta. Non per nulla, la medicina ci insegna, il fabbisogno metabolico medio femminile, in linea di massima, si aggira intorno alle 1800 – 2000 calorie.

Quali soni i frutti a cui maggiormente puntare?

Ma su quali frutti, soprattutto ora, è bene puntare?

Ora come ora  l’ananas, che tutti conoscono per le sue proprietà digestive e di “sciogli grasso”, oppure le prugne che sono davvero ottime per regolare l’intestino pigro. Si possono scegliere poi anche ciliegie, anguria, melone giallo, pesche e albicocche che sono un’ottima fonte di carotenoidi, i pigmenti colorati ricchi di antiossidanti che rappresentano un’ottima arma difensiva contro la comparsa dei radicali liberi.

Tra l’altro in  questi frutti ci sono anche minerali come il magnesio  che è- tra l’altro- particolarmente attivo nel metabolismo dei grassi, il  rame che ha  un importante ruolo fisiologico di mantenimento del tessuto osseo e nella formazione dei globuli rossi e il potassio che è fondamentale per l’equilibrio idro-salino corporeo.

E poi ci sono anche  le vitamine come la C e la A, che possiedono assai importanti funzioni anti infiammatorie e che  legate direttamente e concretamente  alla stimolazione del sistema immunitario del quale se ne è parlato tantissimo anche ultimamente.

Sì anche alla verdura ma fibrosa e no alle patate!

Ma, come già detto, si può inserire in questa dieta anche un po’ di verdura squisitamente fibrosa. Quest’ultima assicurerà l’arrivo della tanto desiderata e agognata pancia piatta oltre che infinitamente  tonica. Quale mangiare in primis? Lattuga, songino, finocchi e cicoria. Da evitare come la peste gli ortaggi particolarmente ricchi di amidi come le patate.