Enrica Bonaccorti, rivelazione: “Ho la stessa malattia di Brad Pitt”

Cosa hanno in comune Enrica Bonaccorti e il divo di Hollywood Brad Pitt? Soffrono della stessa malattia. Ecco qual è

Raccontandosi a cuore aperto in una lunga intervista concessa al “Corriere della Sera” Enrica Bonaccorti, star della tv anni ’80 e ’90, ha confessato di soffrire della stessa malattia che affligge il divo di Hollywood Brad Pitt.

Enrica Bonaccorti choc: “Ho la stessa malattia di Brad Pitt”-tipiu-12/05/2022

E per attenuare lo choc di tale inaspettata rivelazione si è affidata a un simpatico aneddoto della sua vita: “Condivido con Brad Pitt la prosopagnosia. A un evento Fininvest chiacchieravo con un signore. Chiedo: “Di cosa ti occupi adesso?”. Lui mi fa pat pat sulla spalla: faccio sempre il presidente della Fininvest. Era Fedele Confalonieri“.

Infatti, la prosopagnosia è un deficit cognitivo-percettivo che rende l’individuo che ne è affetto incapace di riconoscere le facce delle persone note e, talvolta, perfino il proprio volto, quando si guarda allo specchio od osserva una propria foto.

Enrica Bonaccorti: “Mi feci operare per ridurre il seno”

Enrica Bonaccorti, ieri e oggi-tipiu-12/05/2022

Nell’intervista al “Corriere della Sera” Enrica Bonaccorti, oltre a parlare della sua infanzia con il padre colonnello e degli amori della sua vita, si è soffermata anche sugli inizi traumatici della sua carriera televisiva, nata all’insegna del popolare proverbio “si chiude una porta, si apre un portone” e propiziata da un intervento di mastoplastica riduttiva (si fece ridurre il seno) cui si sottopose per interpretare la protagonista dell’Amadeus di Peter Shaffer: “Purtroppo dovevo aprire la camicetta e mostrare il seno. Disperata, mi feci operare per ridurmelo. Dopo sei ore d’intervento mi sveglio con il braccio come morto e la lingua penzoloni. Dovetti rinunciare all’Argentina. Stavo a casa e, come diceva Eduardo De Filippo, chi ti dice che è una disgrazia? Chiama la Rai: sappiamo che non fa la stagione, vorremmo incontrarla. Era per “Italia sera”, il nome lo inventai io“.

Altro spartiacque della carriera televisiva di Enrica Bonaccorti quando quest’ultima ha dovuto sostituire nientemeno che Raffaella Carrà. Nessuno credeva in lei, neanche il regista Gianni Boncompagni che, forse per scaramanzia, la invitò a non preoccuparsi visto che comunque tutto sarebbe andato malissimo. Eppure: “La sera prima mi chiedevo come infortunarmi per non andare in onda. Vado, invece, e non c’era un copione. Iniziai a presentare i ballerini uno per uno, lessi i biglietti dei fiori arrivati in studio. Alla fine battemmo Pronto Raffaella?“.