Colesterolo alto? La dieta per abbassarlo, alimenti si e no

Il colesterolo alto è un problema comune a milioni di persone, in particolare dopo i 50 anni di età. L’aumento di LDL oltre certi limiti rappresenta una condizione negativa che può portare all’insorgere di patologie, anche gravi, soprattutto a livello cardiaco.

Colesterolo alto
Colesterolo alto – TiPiu.com

L’alimentazione e lo stile di vita sono fondamentali per mantenere sotto controllo il livello di LDL. Ci sono alcuni cibi che hanno la capacità di abbassare il colesterolo cattivo ed è importante conoscerli per mantenersi in perfetta salute.

Cosa mangiare per abbassare il colesterolo cattivo?

Se dalle analisi del sangue risulta un livello di LDL troppo alto il medico darà la cura o le indicazioni per ristabilire un equilibrio diminuendo il grasso nel sangue. Ma cosa possiamo fare noi per evitare di aumentare il colesterolo? La risposta si trova principalmente nell’alimentazione per questo è fondamentale conoscere i cibi che abbassano il livello di LDL in modo naturale.

Partiamo subito parlando dei cereali, i legumi e i vegetali, alimenti che non contengono colesterolo e contribuiscono a pulire il sangue dai grassi in eccesso. Gli alimenti vegetali sono ricchi di fibre e questo consente di ridurre l’assorbimento del colesterolo da parte delle pareti intestinali.

Frutta e verdura

Quando i valori di LDL sono alti, quindi, si consiglia di aggiungere alla dieta verdure da consumare quotidianamente. Inoltre sono indicati i cereali integrali, i legumi da assumere da 3 a 4 volte la settimana. Per cereali intendiamo pasta, riso, pane integrali, orzo, avena e farro, attenzione al condimento che non deve essere troppo elaborato e ricco di grassi altrimenti si annulla l’effetto benefico dei cereali.

Via libera alla frutta che, insieme alla verdura, offre nutrimento e fibre utili a ridurre l’assorbimento di grassi. Gli alimenti vegetali, freschi e di stagione, devono coprire le dosi consigliate dall’OMS, ovvero 3 porzioni di verdura e 2 porzioni di frutta giornaliere.

Per quanto riguarda il consumo di pesce è assolutamente consigliata l’introduzione nella dieta per 2-3 pasti settimanali, i benefici di questo tipi di alimento sono dati dalla natura del suo grasso. Meglio, però, scegliere la cottura al vapore, sulla griglia oppure al cartoccio mentre non deve essere presa nemmeno in considerazione la frittura.

Condimenti sì o no?

L’olio vegetale, pur essendo un grasso, non risulta dannoso, ma piuttosto vantaggioso per abbassare il livello di colesterolo a patto che sia un prodotto di qualità e non si ecceda con la quantità. Se vi state chiedendo come mai questo prodotto non venga escluso dalla dieta alimentare di chi ha il colesterolo alto, la risposta è molto semplice.

I grassi animali sono saturi e aumentano i livelli di LDL mentre quelli di origine vegetale sono monoinsaturi o polinsaturi quindi aiutano a diminuire il colesterolo nel sangue. Pertanto si devono limitare o eliminare il lardo, lo strutto e il burro scegliendo al loro posto l’olio extravergine d’oliva e simili, possibilmente spremuti a freddo e utilizzati a crudo.

Colesterolo cibi
Colesterolo dieta – TiPiu.com

Da escludere o limitare sono gli insaccati, le uova e i formaggi che contengono molti grassi saturi aumentando il tasso di colesterolo in modo notevole. Anche il latte può essere dannoso a meno, meglio preferire il tipo scremato o parzialmente scremato oppure ripiegare sul latte vegetale.

Non è da escludere, invece, il consumo di carne rossa o bianca ma si consiglia di acquistare tagli magri che dovranno essere cotti senza utilizzo di grassi eccessivi, meglio prepararli sulla piastra, al forno o alla griglia oppure lessi in acqua e aromi.