Buon Anno 2022, ecco le frasi di auguri più belle per il Capodanno 2022

Buon Anno 2022! Stai pensando a come essere originale, simpatico o emozionante per distinguerti dai tanti auguri anonimi e tutti uguali vengono inviati per il il Capodanno? Ecco alcuni suggerimenti da cui prendere spunto per augurare agli amici e ai parenti un Felice 2022!

Buon Anno 2022
Frasi di Buon Anno 2022 – Tipiu-com

Frasi divertenti, belle e ben auguranti di buon anno 2022

Le frasi più simpatiche per fare gli auguri di Capodanno 2022. Sta per iniziare un nuovo anno ed è giunto il momento di sbizzarrirsi con amici e parenti anche a distanza. Whatsapp, Telegram, Messanger, qualsiasi canale scegli per inviare i tuoi messaggi ecco le migliori frasi di auguri di buon anno 2022.

“Buon anno a tutte le cose: al mondo! al mare! alle foreste! Buon anno a tutte le rose che l’inverno prepara in segreto. Buon anno a tutti coloro che mi amano e stanno ad ascoltarmi… E buon anno, nonostante tutto, anche a tutti coloro che non mi amano” Rosemonde Gérard

Cambia l’anno ma non cambiare tu! Resta te stesso, unico e meraviglioso così come sei. Felice 2022!

“Sii sempre in guerra con i tuoi vizi, in pace con i tuoi vicini, e lascia che ogni nuovo anno ti trovi un uomo migliore” – Benjamin Franklin

La speranza sorride dalla soglia dell’anno a venire, sussurrando «sarà più felice»” – Alfred Tennyson

Cosa augurarti per quest’anno se non la gioia di svegliarti ogni mattino con il sorriso, riscaldarti tra le braccia di chi ti vuole bene e ottenere i riconoscimenti che meriti nella vita e sul lavoro? Buon 2022 a te e a chi ti sta vicino ogni giorno.

“E ora diamo il benvenuto al nuovo anno. Pieno di cose che non ci sono mai state” – Rainer Maria Rilke

Resta alzato vino a tardi la vigilia di Capodanno e a mezzanotte guarda il cielo sarà lo stesso che guardo io mandati un bacio, un abbraccio e un augurio per sentirci più vicini. Buon anno amore!

“La gioventù è quando è permesso di restare alzati fino a tardi la vigilia di Capodanno. La mezza età è quando si è costretti” – Bill Vaughan