Ballando con le stelle, arriva una denuncia: cosa è accaduto

Tira brutta aria per Selvaggia Lucarelli finita nel mirino del Codacons con una denuncia a suo carico. Cosa è accaduto alla giudice di Ballando con le Stelle?

La denuncia a Selvaggia Lucarelli

E’ proprio Ballando con le Stelle “la piazza” su cui si è consumata l’azione, che vede oggi Selvaggia Lucarelli denunciata dall’associazione per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori, ovvero il Codacons.

La notizia è arrivata in quest’ultime ore attraverso una comunicazione ufficiale, inviata  dall”Organizzazione di Carlo Rienzi. Ma cosa è successo?

La questione sui social e l’intervento di Milly Carlucci

Il tutto è partito dal momento in cui Milly Carlucci, nella scorsa puntata, ha annunciato la positività di Mietta al Covid. La giudice del programma serale della Rai, ha subito chiesto alla diretta interessata, in collegamento telefonico, se si fosse vaccinata, senza ottenere risposta.

Questo piccolo momento ha avuto una ridondanza enorme, sfogata subito dopo sui social, con l‘ennesima battaglia tra chi critica Mietta, momentaneamente sospesa da Ballando con le Stelle e tra chi invece la difende a spada tratta.

La stessa Milly Carlucci si è sentita in dovere di prendere posizione condividendo un video in cui ha smentito categoricamente Selvaggia Lucarelli, ribadendo che la legge, attualmente, non obbliga la vaccinazione anti-Covid, ma che per accedere ai luoghi di lavoro serve il green pass, che si può ottenere facendo un tampone molecolare.

La conduttrice è stata chiara: nessuno di Ballando con le Stelle è autorizzato a chiedere ai suoi concorrenti se sono vaccinati o meno.

La comunicazione del Codacons

Le parole della conduttrice hanno anticipato l’esposto di Codacons che attraverso un comunicato ha voluto mettere in chiaro la situazione:

“Un chiarimento ufficiale che di fatto sconfessa le inaccettabili tesi della Lucarelli, che
prima in diretta TV ha violato la privacy della concorrente di “Ballando con le stelle”,
Mietta, chiedendo ripetutamente se fosse vaccinata o meno, e poi, cosa ancora più grave
e che rappresenta una vera e propria barbarie, ha avviato una gogna mediatica contro la
cantante “colpevole” di non essersi potuta vaccinare a causa di problemi di salute,
disegnandola come una no-vax e accusandola, nella sostanza, di mentire sulle motivazioni
che l’hanno portata a rimandare la vaccinazione. Una violenza inaudita, ingiustificata e
intollerabile da parte della Lucarelli (in particolare sui social network) su cui ora
dovranno pronunciarsi sia il Garante perla privacy, sia il CdA Rai.”

E conclude specificando:

“ll Codacons ha infatti presentato un esposto al Garante per la protezione dei dati
personali chiedendo di aprire una indagine sull’operato di Selvaggia Lucarelli, e alla Rai
di adottare provvedimenti urgenti per sanzionare quanto accaduto nel corso dell’ultima
puntata della trasmissione che, oltre a fomentare un clima di odio e violenza sui social, ha
rappresentato una grave forma di disinformazione a danno della – giusta – campagna
vaccinale.”