Forum, i processi sono veri? | Arriva la verità: “Barbara Palombelli…”

Il giornalista Alessandro Cecchi Paone fa finalmente chiarezza sul dubbio che tormenta i telespettatori di “Forum”: “Le cause sono vere?”

Barbara Palombelli

“Forum”, condotto dalla giornalista Barbara Palombelli, è uno dei programmi più longevi e più amati del palinsesto Mediaset. Nonostante sia in onda da molti anni, “Forum” incontra ancora il favore del pubblico, con gli ascolti che nel 2020, complice gli “arresti domiciliari” imposti dalle norme anti-contagio da Covid-19, sono addirittura aumentati a dismisura.

I casi giudiziari affrontati nel programma tengono incollati allo schermo televisivo milioni di telespettatori ma talvolta l’eccessivo istrionismo degli “attori” (termine quanto mai appropriato visto che “attore” è la definizione giuridica del promotore di un’azione legale e, ufficiosamente, i protagonisti di “Forum” sono attori non professionisti mentre le cause sono ispirate a fatti reali) fa sorgere più di dubbio circa l’autenticità degli stessi: ecco perché una telespettatrice ha scritto recentemente alla rubrica curata da Alessandro Cecchi Paone per “Nuovo Tv” per chiedergli se “le cause di Forum sono vere”. Il giornalista le ha risposto così: “Le sentenze sono valide come casi di scuola e Barbara Palombelli è brava a limitare gli eccessi”.

“Forum”, Alessandro Cecchi Paone chiarisce come stanno le cose

Alessandro Cecchi Paone ha poi precisato: “Si vede che lei segue Forum da poco tempo! Mi rivolge una domanda legittima, ma… vecchia di decenni. Mi sembra un programma di intrattenimento con momenti anche boccacceschi ben tollerati dalla conduttrice”. Insomma, “Forum” è un programma di intrattenimento e come tale al suo interno vi sono dinamiche studiate e create appositamente per non annoiare i telespettatori. Ma, come chiarito dal giornalista, le sentenze possono essere prese in considerazione come esempi giuridici.

Non a caso la grande novità della 37esima edizione di “Forum”, che ha preso il via ieri, a ulteriore conferma delle sue finalità didattiche, è la presenza di due giovani uditori, selezionati fra i laureati in legge che stanno preparando il concorso in magistratura, ai quali viene data la possibilità di vedere dal vivo come i giudici applicano la legge al caso concreto. Per il resto, tutto invariato: è stata, infatti, confermata in blocco la squadra dei giudici, composta da Melita Cavallo, Francesco Foti, Simona Napolitani, e Bartolo Antoniolli, così come “i ragazzi di Forum” Paolo Ciavarro, Camilla Ghini, Sofia Odescalchi, Edoardo Donnamaria, Ladislao Liverani, l’influencer Giulia Campesi e i giornalisti Claudio Giambene e Giulia Lea Giorgi.