La seconda edizione di Hack the City, la maratona di programmazione e generazione di idee innovative della Svizzera italiana promosso da Tipiù nell’ambito del Sistema Regionale d’Innovazione Ticino, si è conclusa domenica con la proclamazione dei vincitori.

Ad aggiudicarsi il premio principale di CHF 9’000 (offerto da Tipiù, AGE, BancaStato, CP Start-Up e ForexOclock) sono stati i ragazzi di “Allora” — Giovanni Degiorgi e Jaro Serena — per il loro progetto “SimplePark”, realizzato durante le 48 ore a disposizione.
Hanno presentato un dispositivo dotato di sensori e trasmissione dati per la localizzazione di parcheggi con diverse componenti innovative, tra cui l’implementazione di un protocollo particolarmente efficiente, dimensioni ridottissime, prezzi irrisori e una durata di vita della micro-batteria di decenni. Inoltre, hanno perfettamente centrato il tema lanciato quest’anno, “Vivere la Città nell’Era Digitale”, proponendo una soluzione concreta (e completa) a un problema con il quale ci si confronta nella quotidianità.
 
HTC16_Prototipo_SimplePark
 
Al team “Allora” è pure stato assegnato il riconoscimento tecnico da parte dell’Istituto Sistemi Informativi e Networking (ISIN) del Dipartimento Tecnologie Innovative della SUPSI per il loro talento e nell’uso esteso delle tecnologie a disposizione.

Christian Puricelli ha vinto il premio RSI – Radiotelevisione Svizzera Hack Rete Tre, mentre al team “JetMeOut” composto da Francesco Di Biaso e Carlo Denaro sia lastminute.com group sia Appway hanno voluto conferire i loro rispettivi premi, ovvero per il miglior progetto in ambito turistico e viaggi e per il miglior progetto cross-media.

Gli oltre 40 partecipanti presenti in Piazza Indipendenza hanno potuto confrontarsi con dei mentori ed esperti nell’ambito del digitale e approfittare di uno spazio “lounge” dove rilassarsi dopo le lunghe ore passate a sviluppare davanti agli schermi. Il livello delle idee e dei progetti presentati anche quest’anno è stato molto alto. Considerando che gli iscritti totali di questa edizione sono stati oltre cento, il futuro dell’unico hackathon all’aperto della Svizzera è promettente.
 
HTC16_Gruppo